Breve storia - Associazione amici della Certosa

Vai ai contenuti

Menu principale:

Breve storia

La Certosa di Bologna
 

Il cimitero venne fondato nel 1801 riutilizzando le strutture del convento certosino edificato a partire dal 1334 e soppresso nel 1796. La chiesa di S. Girolamo è testimonianza della ricchezza perduta del convento, e tutt'ora conserva enormi tele cinque-seicentesche di Lorenzo Sabatini,  Bartolomeo Cesi e Nunzio Rossi. ,. Alle pareti spicca il grande ciclo di dipinti dedicati alla vita di Cristo, realizzato dai principali pittori bolognesi della metà del XVII secolo, tra cui Lorenzo Pasinelli, Francesco Gessi, Elisabetta e Giovan Andrea Sirani, e Domenico Maria Canuti. Fulcro del cimitero è il Chiostro Terzo, riflesso fedele della cultura neoclassica locale dove, alle iniziali tombe dipinte si sostituirono poi opere in stucco e scagliola e - a partire dalla metà dell'Ottocento - in marmo e bronzo. Il complesso risulta così una articolata stratificazione di logge, chiostri ed edifici che vanno dal XV secolo ad oggi e che man mano assumono caratteri di progressiva ampiezza e monumentalità. Segnaliamo gli spazi ottocenteschi quali la Sala delle Catacombe, la Sala del Colombario, la Galleria degli Angeli, il Chiostro VII, la Galleria Tre Navate.

Tra le architetture novecentesche sono da ricordare l'enorme Chiostro VI o dei Caduti delle Grande Guerra e la Sala Annessa, la Galleria del Chiostro IX e il Monumento ossario dei Caduti Partigiani, capolavoro del razionalismo italiano.

 

Al loro interno si conserva un vastissimo patrimonio di pitture e sculture realizzate da quasi tutti gli artisti bolognesi attivi nel XIX e XX secolo, testimonianza delle complesse vicende artistiche, storiche e intellettuali di Bologna, cui si sono aggiunte in anni recenti alcuni interventi di artisti contemporanei. Segnaliamo solo alcuni degli artisti più noti: Antonio Basoli, Pietro Fancelli, Giacomo De Maria, Giovanni Putti, Luigi Acquisti, Pelagio Palagi, Cincinnato Baruzzi, Massimiliano Putti, Carlo Monari, Enrico Barberi, Diego Sarti, Tullo Golfarelli, Silverio Montaguti, Pasquale Rizzoli, Giuseppe Romagnoli, Ercole Drei, Farpi Vignoli, Carlo Santachiara. Notevoli le presenze 'forestiere', vero banco di confronto per gli artisti locali: Carlo Chelli, Salvino Salvini, Giovanni Duprè, Stefano Galletti, Pietro Tenerani, Vincenzo Vela, Antonio Ribalta, Giovanni Strazza, Giovan Battista Lombardi.  


Cimtero monumentale della Certosa, Bologna, via della Certosa 18


sito ufficiale:
www.certosadibologna.it
Certosa, Bologna monumental cemetery

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu